Rubriche: NEWS

HOME > NEWS > Acquistare casa: mutuo a tasso fisso o variabile?

1456136509_boschetto_pianta_news.jpg

E’ cosa ormai acclarata che questo è un ottimo momento per acquistare casa: prezzi stracciati e offerte di mutui a tassi sempre più vantaggiosi.

Ma come districarsi tra le tante proposte di questo 2016?


Innanzitutto è fondamentale capire le differenze tra tasso fisso e tasso variabile, per scegliere il mutuo più adatto alle proprie esigenze.


Il mutuo a tasso variabile è notoriamente più conveniente, attualmente è pari ad 1,50% circa annuo, a scalare. Tuttavia, il tasso variabile resta soggetto all’andamento altalenante del mercato che potrebbe portare ad un rialzo e quindi ad un incremento della rata mensile.


Per chi preferisce non avere sorprese, potrebbe essere più indicato il mutuo a tasso fisso che garantisce una rata stabile ogni mese. Il tasso annuo attualmente praticato è 2,50% circa.

 

In questa precisa fase storica, se si ha la possibilità di estinguere un mutuo in 10 anni, potrebbe comunque convenire scegliere quello variabile, dal momento che i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una risalita. Laddove dovessero aumentare, si potrà in ogni caso ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di selezionare un’altra proposta vantaggiosa.